Home Visita a palazzo Gli appartamenti dei Sovrani Galleria delle Statue

Galleria delle Statue

Galleria delle Statue

 

L’architetto Lorenzo Nottolini ebbe l’incarico dalla Duchessa di Lucca Maria Luisa di Borbone di ristrutturare il corridoio di collegamento tra la “Scala Regia” e gli “Appartamenti Reali” trasformandolo in “Galleria”.
Le opere di murature iniziate alla fine del 1818 erano ancora in corso nel febbraio 1820, e probabilmente questa data ne segna il completamento.
Il lavoro degli stucchi della Galleria, escluso i quattro pannelli alle pareti, della lunetta con il ritratto di Maria Luisa e dei due gruppi scultorei sopra i portali, fu affidato alla bottega di stuccatori Vincenzo Paoli e Paolo Guidotti situata a Firenze.
Ma i responsabili della decorazione, che diremmo maggiore, della Galleria fu un unico scultore abile e raffinato Salvatore Bongiovanni, professore di scultura all’accademia di Firenze.
Due sono i temi delle raffigurazioni.
Nella lunetta sottostante la cupola è ancora il motivo celebrativo della Duchessa, la cui effige è sostenuta dalle figure di Minerva, della Fama, e del Genio dell’Abbondanza; assistono da un lato le tre arti e dall’altro Mercurio e la personificazione dell’Agricoltura.
Le altre opere dei Bongiovanni nella Galleria riguardano il mito di Ercole.
I bassorilievi delle pareti raffigurano due delle leggendarie fatiche e due altre imprese dell’eroe: ’’Ercole che porta vivo a Euristeo il cinghiale di Erimanto” e “Ercole che libera dall’Ade Alcesti” presenta il semidio in lotta con le Erinni.
Nei due gruppi scultorei sopra i portali vi sono le raffigurazioni di Ercole e Onfale e “Ercole Divinizzato da Ebe”.
È difficile stabilire chi abbia fornito il programma delle sculture del Bongiovanni, forse la poetessa di corte Teresa Bandettini, che aveva composto poesie sulle vicende di Ercole.
È da attribuire alla poetessa la scelta, pastorale di due delle sculture marmoree “Ciparisso in atto di invocare la morte di Apollo” e “Silvia che chiede vendetta per la cerva uccisale da Ascanio", collocate al centro della Galleria nel cosiddetto “Tempio di Bacco” affrescato dal Bargioni.
L’Eneide è dunque ancora una volta fonte d’ispirazione per la decorazione, e non solo scultorea se si pensa alla sala da pranzo affrescata con storie tratte dal poema di Virgilio.